Ho visto in tv.

Un documentario dal titolo Nazirock sui gruppi musicali e i giovani che ruotano intorno all’estrema destra. L’ho trovato molto istruttivo e in poco più di un’ora ho scoperto che:
i campi di concentramento non sono mai esistiti. Auschwitz era in realtà una clinica convenzionata con la mutua per ebrei obesi. Il fatto che all’arrivo degli alleati fossero tutti un po’ denutriti è solo l’effetto collaterale della ferrea disciplina dei medici germanici.
La spilla con l’effige di Hermann Goring costa solo 5 euro.
Le ragazze hanno un ruolo di primo piano nei gruppi di estrema destra. Ripiegano le magliette con la faccia di Mussolini alla fine delle manifestazioni, lucidano i busti di Benito nelle sedi del movimento, stirano le bandiere italiane e rammendano i calzini rovinati dalle punte d’acciaio degli anfibi dei loro uomini. Mentre preferiscono non rispondere se sono d’accordo con l’uso della violenza né riescono ad esprimere una sola ragione sul perché abbiano fatto questa scelta politica.
Le magliette arancioni con il capoccione del dux non donano ai militanti in evidente soprappeso.
Se sei checca ma sei nato vicino Predappio in una famiglia di destra, ti conviene prendere subito in mano il manganello prima che i camerati te lo infilino da un’altra parte.
Un italiano di destra che perde per 4 volte di fila a braccio di ferro con un rumeno di destra, perde il senno invocando il moviolone.
Quando arriva uno con le stampelle accolto come un eroe e presentato come “ferito ma non fermato”, mi immagino sia stato gambizzato da un poliziotto durante una manifestazione. Subito dopo scopro che gli è esplosa addosso la bomba che stava generosamente donando alla sede de Il Manifesto.
Se il tatuatore non è molto bravo, la faccia di Mussolini sul polpaccio può assomigliare a quella di Andrea Mingardi col braccio alzato.
Per mettere su un gruppo musicale di estrema destra non serve saper suonare né cantare, basta che i tuoi testi siano infarciti di teorie revisioniste e sulla tua musica gli spettatori si possano prendere a cinghiate sotto il palco.
Quelli di Forza Nuova fanno i campi estivi tipo colonia ma sulle loro tende da campeggio c’è il faccione di nonno Benito. Le venderanno da Auchan?
Non posso farci niente, Nazirock mi è proprio piaciuto, l’ostentazione di indottrinamento e ignoranza mi fa più effetto ilarità di qualunque cinepattone.

P.S. su Gropius, il mio gatto, la visione ha avuto tutt’altro effetto:

Immagine

4 febbraio 2009
estratto da http://identitycrash.blogspot.it/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: